Il mio sistema per la conservazione di 80 prodotti di bellezza nel mio bagno

Anonim

Beati i pochi con il bagno in abbondanza. E veramente, ci devono essere solo pochi. Se ho fatto un sondaggio a tutti quelli che conosco, scommetto che ognuno tornerà con un segno di spunta grande, disperatamente graffiato accanto a "Potrei sicuramente usare un bagno più grande". E siamo solo noi civili. Non so come gli editor di bellezza lo facciano.

Una volta mi è stato regalato un abbonamento Birchbox della durata di tre mesi, e sono ancora ostinatamente aggrappato ai campioni, cercando di capire dove metterli. Posso solo immaginare che quando sei un editor di bellezza, la valanga campione potrebbe facilmente mangiare il tuo bagno vivo.

Benvenuti in Beauty Stash ... dove chiediamo a tutti, dai redattori di bellezza ai drogati di trucco della farmacia, come conservano e puliscono i loro prodotti. Interessato a presentare la tua scorta di bellezza? Raggiungici a noi a

Così abbiamo contattato uno di questi redattori (in effetti, il curatore di bellezza di redattori di bellezza) - Jane Larkworthy, con un pedigree di marchi potenti che include riviste di Jane e W - per rivelare come usa, pulisce e conserva la sua scorta.

Visualizza questo post su Instagram

Caftano. L'unico tipo di abbronzatura che avrò mai approvato.

Un post condiviso da Jane Larkworthy (@janelarkworthy) su

Nome: Jane Larkworthy
Ubicazione: The Berkshires, Massachusetts
Occupazione: scrittore di bellezza e cibo, consulente di branding

AT: Raccontaci di te e dei tuoi prodotti di bellezza.

È probabilmente giusto dire che l'editor di bellezza è un'eccezione quando si tratta della quantità di prodotti e delle difficoltà di archiviazione che ne derivano. Paragono sempre i pacchetti costanti di arrivi di prodotti di bellezza a quell'episodio della fabbrica di cioccolata "I Love Lucy", non puoi tenere il passo. Lo so; Cry me A river. Ma dove mettere tutto è un dilemma, quindi sono sempre molto curioso di vedere come i miei colleghi di bellezza conservano le loro cose. In qualsiasi momento, ho probabilmente ricevuto circa 80 prodotti nel mio campo visivo (ci sono così tanti brower per la cura del viso, da solo!). Essendo un editor di bellezza, ci sono sempre i visitatori transitori - prodotti che sto testando, la cui durata è TBD.

Attualmente, sono stato abbastanza fedele alla skincare di Drunk Elephant, di cui uso circa sette o otto prodotti per il regime. Uso solo quattro oggetti per il trucco: la gamma di colori dell'ombretto (che funge anche da ombra e rivestimento), mascara, tinta sopracciglia e bronzer per le mie guance. Ho smesso di usare fondamentalmente e concealer del tutto, il che è abbastanza liberatorio. Sono molto, molto meno fedele ai prodotti per capelli, quindi è qui che i numeri si sommano. Ruota tra circa 30-40 shampoo, balsami, maschere per i capelli e styling leviganti in quel regno. Aggiungi le 20 fragranze sulla mia top da toeletta e siamo quasi 80, in realtà. Oof.

AT: Se potessi utilizzare solo uno dei tuoi prodotti ogni giorno, quale sceglieresti?

Crema solare! Non sono molto fedele a quello che uso, ma deve essere gentile, quindi deve essere fisico. I filtri solari chimici sono un po 'troppo duri sulla mia pelle. Amo MD Solar Sciences, Beauty Counter, Bare Republic, 100% puro. Se potessi averne uno, avrei bisogno che fosse un bastone, perché sono dipendente dal balsamo per le labbra, quindi dovrei essere in grado di usarlo anche sulle mie labbra.

AT: come nascondi tutto?

È strano, la nostra vecchia casa è stata costruita prima che gli armadi fossero inventati, immagino, perché nessuna delle camere da letto li ha (o sono piccoli), ma il bagno ha un armadio abbastanza grande, che ha scaffali piuttosto profondi, quindi ho ripreso quasi tutto l'armadio con i prodotti. Mio marito occupa circa la metà di uno scaffale mentre gli altri tre sono, in generale, i miei.

Visualizza questo post su Instagram

La cannabis ha un po 'di tempo tranquillo? Perché, sì, bis. Puoi.

Un post condiviso da Jane Larkworthy (@janelarkworthy) su

Divido le cose per scaffale. Il ripiano superiore è per il bagno e prodotti per i capelli. I prodotti per la pelle vivono al di sotto di questo - anche, filtri solari, struccanti, sfregamenti muscolari (Lord Jones!) E balsami purificanti. (La mia custodia per il trucco è anche qui, ma nascosta sul lato.Erano un set regalo di pennelli per trucco di Tom Ford, ma l'ho svuotato e ora contiene tutto il mio trucco, e c'è troppo tempo per essere waaaaay. pasticcio ma almeno è contenuto.) Lo scaffale di mio marito è sotto quello, ma non usa quasi nessun prodotto (il mio lavoro è sprecato per lui ...), quindi ospita anche candele profumate e una scatola di feltro grigia dove vanno le cose mediche. Il ripiano inferiore contiene il mio cesto per l'acconciatura (phon, sieri leviganti, copertura delle radici grigie, shampoo secco) e cose casuali che sono troppo pigro per posizionarmi correttamente nella loro categoria. Nascosti nell'estrema destra di quel ripiano ci sono tappetini da bagno e stracci. Gli asciugamani che usiamo sono appesi a un vecchio scaffale che ho ereditato da mia madre, e gli asciugamani degli ospiti sono piegati su una pila su una sedia che ho comprato in una vendita di tag o in un negozio di antiquariato, non ricordo.

AT: Quando si tratta di storage, cosa è più importante: forma o funzione?

Mi piacerebbe dire la funzione, ma ho delle tendenze superficiali quando si parla di design, quindi probabilmente è la forma. In ogni caso, sono sempre troppo pigro per trarre vantaggio da qualcosa che in realtà è funzionale e finisco sempre per gettare tutto nel recipiente più vicino, così l'esteta in me deve dire la forma.

Amazon

Cassa in acrilico Muji con 2 cassetti

29.97

Acquista ora

AT: quali soluzioni di archiviazione intelligenti hai scoperto?

Questo ha riproposto il caso di Tom Ford che ho menzionato, e la scatola di feltro grigio, che in origine conteneva pacchetti di biscotti da un precedente servizio di consegna di cookie. Inoltre, adoro i cassetti in plastica di Muji. Vengono in ogni dimensione e forma. Ma, principalmente li uso per conservare i prodotti che sto mantenendo per la ricerca nel nostro appartamento di New York.

AT: hai un prodotto o organizzatore preferito di cui ti giuri per l'organizzazione del prodotto?

Le palette di trucco mi chiedono perché mai qualcuno userebbe le singole sfumature. Nars e Urban Decay sono i miei preferiti. Io uso anche il fatto che la nostra vasca da bagno è contro un muro, quindi più di una dozzina di prodotti si allineano lungo quel muro. Idem per il bel davanzale dietro la vasca.

AT: Quanto spesso pulisci i tuoi prodotti? Come si fa?

Um ...? Quando mi ricordo, mi lavo i pennelli con un po 'di sapone per le mani, poi li appoggio sul bordo del lavandino del bagno. Niente di troppo interessante, o sanitario ....

AT: come fai a mettere in ordine i tuoi prodotti?

È tutta una specie di marmellata sciolta nella mia borsa per il trucco. Ne ho uno spazioso di Bumble e Bumble che ha un dipinto di Donald Robertson. Contiene anche tutti i miei prodotti di Drunk Elephant.

AT: Qual è la tua strategia campione di bellezza?

I campioni sono i MIGLIORI compagni di viaggio! Anche quelli che contengono prodotti a cui non mi interessa, si svuotano e si riempiono di alcune dosi di prodotti da tubi o vasetti troppo grandi per andare avanti. Credo che deciderò di investire a grandezza naturale quando sottolineo il mio esaurimento. Questo è un segno che sei appassionato.

AT: qual è il tuo tallone d'Achille per la tua bellezza?

Tappi a matita per gli occhi. Non sembrano mai stare su, quindi apparentemente prendono vita nei miei kit per il trucco e disegnano dappertutto come bambini cattivi se lasciati soli.

Visualizza questo post su Instagram

Ultimo giorno là fuori. Facciamolo uno buono.

Un post condiviso da Jane Larkworthy (@janelarkworthy) su

AT: Come descriveresti il ​​tuo beauty stash in tre parole?

Minimalista (se non minimale), idratante e antisolare.

AT: Cosa fai con campioni o prodotti che sai che non utilizzerai?

Quando ero alla rivista W, pulivamo i nostri armadi un paio di volte all'anno e vendevamo l'inventario, con il ricavato che andava in beneficenza. Ora che sono un agente libero, lo sto ancora facendo. In realtà ho tenuto due vendite qui nel Berkshire e ho dato i proventi ad un centro di accoglienza per donne. Abbiamo lasciato così tanto che ho dato tutto anche al rifugio. Dire che erano sopraffatti è un eufemismo.

Questa intervista è stata modificata e condensata per chiarezza e lunghezza.

Apartment Therapy supporta i nostri lettori con consigli di prodotto scelti con cura per migliorare la vita a casa. Ci sostieni attraverso i nostri link scelti in modo indipendente, molti dei quali ci danno una commissione.